<Quante storie> si intitolava un libro di Enzo Biagi del 1989. E ogni storia apriva pensieri. Questo sito non vuol essere palestra di certezze e nemmeno piazza dove ognuno grida per conto suo. Si propone soltanto d’offrire occasioni per riflettere – abitudine che va dissolvendosi – su quel che ci capita intorno e addosso, su ciò che offre la vita che attraversiamo, dal mercato librario (dando spazio anche e soprattutto a quel che non entra nei grandi circuiti) ai mass media, dalla società nei diversi suoi volti alla politica. Con un orecchio a ciò che prima di noi ha detto gente spesso più saggia di noi.

La mia lama uccide il rap

I ragazzi del rap si sfidano a Parigi e dintorni, ma è una sfida di ritmo e di parole che raccontano e graffiano la società e le sue gabbie. Qualcuno invece sfida loro a tradimento, con il divampare di risse improvvise prima, poi con una lama che vaga  scegliendo vittime tra gli artisti.

Si entra curiosi per il giallo e per il mondo che esso colora in Rapkoka (Giraldi editore) di Gianluigi Schiavon (vicedirettore del Resto del Carlino, autore di romanzi, racconti, poesie). Se si ha poca dimestichezza si entra – fra quei giovani, non nel libro – anche un po’ diffidenti: saranno balordi? cantanti senza vero talento? perdigiorno? E si comincia a vivere

continua a leggere

Viaggio silenzioso tra le stelle fredde

Due dolori atroci porta questa pandemia. Uno è  la routine che ammassa i morti nelle cifre dissolvendone la vita, così che qualche decina di vittime in meno rispetto al giorno prima diventano un terribile “soltanto”. L’altra bruciante sofferenza è la solitudine del loro viaggio.

A ciascuno di loro, al viaggio silenzioso che li accoglie, dedico come un saluto dolente qualche brano di Le stelle fredde (Mondadori, 1970),  romanzo di Guido Piovene. Il protagonista, lasciato dalla sua donna, si rifugia in campagna. Qui, da una fenditura in un muro esce uno strano vecchio: è Fedor Dostoevskij, che racconta il suo cammino nell’aldilà.

Era uno spazio accidentato

continua a leggere