Garlasco e la stanza di Chiara

Le indagini della difesa sul delitto di Garlasco (condanna a 16 anni confermati dalla Cassazione per l’assassinio di Chiara Poggi) portano nuovi elementi, tra i quali reperti di Dna e testimonianze. E buttano sospetti su un amico del fratello di Chiara: mai entrato nella villetta, dicono lui e la madre della ragazza; entrato eccome, dice la difesa di Stasi, entrato per accedere al computer.

Senza inoltrarsi nel dibattito sulla vicenda, colpisce come essa è narrata. Per gli adulti un appartamento è composto – secondo le possibilità economiche – di ingresso, cucina, bagno, soggiorno, sala, studio, camera da letto (e poi, secondo ricchezza, biblioteca, sala del biliardo, sala cinema)

continua a leggere